Write me: info@sebastianoscordato.it

RACCONTI PER DORMIRE

3.00

(prossima uscita)

Questa opera contiene di dieci racconti brevi a cui ho riversato tutto il mio processo personale di osservazione   rivolto alla società che mi circonda richiudendo in loro esperienze personali e lavorative facendo si che diventasse compendio di idee e modi di sentire.

Descrizione

Questa opera contiene di dieci racconti brevi a cui ho riversato tutto il mio processo personale di osservazione   rivolto alla società che mi circonda richiudendo in loro esperienze personali e lavorative facendo si che diventasse compendio di idee e modi di sentire.

Proponendo così al lettore vere perle di vita vissuta, di situazioni accadute raccontate in modo metaforico, con pensieri filosofici filtrati dalla mia essenza, facendo però in modo che sia il lettore ad arrivare a una conclusione dopo una “vera lettura” di ogni testo. Spetterà infatti a chi legge andare oltre le semplici parole, per trovare il profondo significato nascosto appena sotto la superficie.

Sono si consapevole che il mio tipo di scrittura sia atipico ma sono anche consapevole della mia necessità di esprimere argomenti non solo delicati, ma forti e difficili, che siano una piccola testimonianza di un mondo nascosto a molti, e a dei fatti che non meritano di essere dimenticati. Per quanto mi vanti, forse impropriamente di aver inventato una nuova tipologia di scrittura, cioè lo “Psicologic Darck” devo ammettere che in questi primi racconti ho voluto dare anche altre impronte di genere, che fanno da ambientazione alle storie presenti nei vari racconti che ho proposto.

Propongo dunque di aiutare chi legge con una chiave di lettura, i racconti che stiamo andando a leggere così da rendere più piacevole il messaggio da me lasciato in questo lavoro a chiunque legga quest’opera.

Il ramingo del sogno: questo è il primo racconto che ho scritto e finito in assoluto, la sua chiave è molto “onirica” visto che si trattano di veri e propri sogni, e ho voluto preservare il medesimo distacco e sospensione, comprese peculiarità logiche, consiglio dunque al lettore di lettere quanto basta, chiudere gli occhi e rievocare le immagini da me descritte come una proiezione onirica dei fatti accaduti e godersi in finale da ben svegli.

Radio Alcatraz: in questo caso potremo parlare di un racconto in chiave “gotica”, proponendo così una storia “in sospensione” che và in una caduta inconsapevole verso l’oblio

La forza dei primi uomini: questo racconto e particolarmente elaborato, in quanto si tratta di un gotico che racconta una storia odeporica, che a sua volta non è che un “reportage” vero e crudo nella sua verità forte.

Il cipango: la parola cipango deriva dal libro di Marco Polo Il milione in cui si descriveva il Giappone e i suoi abitanti, il racconto è “un diario storico” di un viaggio dal Giappone all’Italia.

Fate molta attenzione alle note a pie di pagina, e alle sensazioni che vi suscitano per arrivare insieme alla conclusione del racconto.

I re della montagna: in questo caso parliamo di una chiave “fantasy” e di una stranezza che spezza la realtà stessa.

Figli delle donne: è un racconto in chiave dispotica vicino al “biopunk” che attraverso la musica, si sviluppa un pensiero di vita e sopravvivenza

Una storia d’amore molto piccola: un monologo di un uomo che raccolta come tutto può andare bene, e il “Rosa” dal dolce sapore

Rikkina: questo e il racconto sicuramente più elaborato in quanto è frazionato in tre colonne, che raccontano tre versioni della stessa storia.

  1. Il sole: è scritto in chiave “Avventurosa”,
  2. La luna scritto in chiave “Triller”
  3. la verità: scritto in chiave “Umoristico”

tutte e tre le storie possono essere lette contemporaneamente seguendo le numerazioni che indicano la conciliazione delle varie scene, seguendo così da subito le varie versioni, o singolarmente in base fermandosi però alla conclusione delle colonne prima che i racconti si riuniscano.

Uniti da una finestra: è un racconto che si basa sulle nuove tecnologie di comunicazione, come Whatsapp e Skipe, quando vi troverete il testo dinanzi, infatti pensatelo come se aveste un cellulare in mano. con cui mandate messaggi, chiamate e video chiamate, ed deve essere questa la chiave di lettura la certezza dell’incertezza di un “gotico moderno“.

Sangue di piccoli diavoli: e sicuramente un racconto “horror” leggero, che nasce e si basa sul vero significato delle parole, su ancestrali pensieri, e sulla vera natura delle cose, una verità cosi sincera da non essere vista.

Tutti i racconti hanno vita propria, ma hanno una cosa che fa da collante l’un l’altro, l’amore irraggiungibile per Beatrice che nell’ombra da la strada al lettore verso la verità che io ho voluto esprimere

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “RACCONTI PER DORMIRE”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

nove + diciotto =