Write me: info@sebastianoscordato.it
GOCCE DI POESIA Previous item Lavoro da Paroliere: La... Next item PICCOLI RACCONTI E DOVE...

GOCCE DI POESIA

È questo, per me, il primo e più spontaneo modo di scrivere – sicuramente la prima e più arcaica forma di espressione letteraria da me usata, e forse la più “imbrigliante”, cioè che cattura tanti miei sentimenti e impulsi che poche volte possono uscire fuori ed essere espresse con la vocalizzazione.

Essere poeti significa affacciarsi dentro se stessi, guardare e respirare a pieni polmoni forti sentimenti che animano la propria interiorità tanto da voler prendere coscienza di essi, ed essi come bolle di sapone si distaccano dal corpo e prendono vita. Possono variare da piccoli impulsi infantili a grandi sentimenti, e ad ogni affacciarsi in questo turbinio ti portano a distaccarti e a modificare la visione innaturale del mondo.

Poeta significa sorridere, significa bellezza ma significa soffrire, significa principalmente dolore, come la solitudine e l’incomprensione. Un poeta non lascia mai correre, non fa mai scorrere addosso le cose che lo circondano, ma ne assorbe l’amara natura come una spugna e la filtra con la sua anima, per intingerci dentro la propria penna e scrivere sempre con dolore anche le più piccole parole d’amore.

Suoni che si intrecciano tanto da diventare anima, corpo e pensiero, gesti antichi e nuovi in vite concrete e menti sognanti: le mie poesie sono il riassunto di grandi periodi e piccole emozioni, gocce di pioggia che sono riuscito a salvare prima che cadessero in mare e si perdessero per sempre. Molte volte peccherò nella forma, ma il profumo di pioggia è sempre presente,  e il gusto del sentimento è a portata di chi vuole gustarlo.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

4 × 3 =